lunedì 20 settembre 2021

Hai solo più tre turni di vita

Si stava nel deserto, io, SethBairon e il Khepring, a pescar datteri e fichi d'india da un vaso canopo, all'ombra di uno spiovente di roccia eroso dalla sabbia e dal vento che s'era pure sopito un pescatore, e a decantare la perfetta rotondità dei seni della regina delle regine Cleopatra. Il vaso colmo di frutti maturi era dono dei tanti schiavi devoti di SethBairon, che era un dio più temuto che amato [aveva ucciso e smembrato suo fratello Osiride, tra l'altro in una giornata in cui era di ottimo umore]. Khepring, dio del sole del mattino, era invece molto più amato e benvoluto, soprattutto fra gli artigiani e gli agricoltori, che seguivano il suo dettame: "Pensa tantissimo prima di fare qualunque mossa".
Per quel che riguardava il sottoscritto, invece, ero un dio minore e di nicchia, una seconda scelta di divinità della quale spesso ci si dimenticava nelle preghiere della sera. I miei adepti erano perlopiù scriba ai quali elargivo settimanalmente papiri con le mie storie eroto-epiche. Nessuno temeva la mia ira [di cosa avrebbero dovuto aver paura, di morire sommersi dai papiri?]

domenica 12 settembre 2021

PLAY 2021 : ma non era meglio

Il primo MaNonEraMeglio contro PLAY Modena 2021 arriva in primavera, sotto forma di commento su Facebook, esattamente 7 minuti dopo l'annuncio ufficiale che l'evento si farà.
Ma non era meglio...?
Un mantra insofferente, inclusivo, assolutamente al passo coi tempi, che sancisce un tentativo di ritorno alla normalità: la buona abitudine di contestare a prescindere e con puntualità ma senza versare una sola goccia di sudor proprio, di osservare e scuotere la testa come umarell davanti ai cantieri.
MaNonEraMeglio.
Ma non era meglio organizzare PLAY prima dell'estate o decisamente dopo, saltare altri due anni e far le cose per benino nel 2023 ? Ma non era meglio trovare un'altra location più adeguata, Milano ad esempio o Roma o a Roscigno Vecchia, la città abbandonata, o una base militare con i gazebo e gli ospedali da campo? Nei mesi seguenti i MaNonEraMeglio si spalmano salomonicamente su ogni nuova notizia legata all'evento: sugli editori che parteciperanno a PLAY come su quelli che non vi parteciperanno, sulle novità in demo, sul prezzo dei giochi che ci si aspettava di trovare Nemesis a 19,99€, sulla prenotazione dei tavoli che "ma non era meglio un sistema di sms sul cellulare: Guarda che fra 5 minuti tocca a te", sulla necessità di conferire alle tigelle la denominazione DOP, sulle dimensioni minime dei seni delle cosplayer presenti in fiera, sulle foto dei bottini su Facebook, su chi fa incetta di giochi in offerta e poi li rivende, e: manonerameglio, Ligabue per Ligabue, metterci Luciano invece di Andrea così cantava pure?
La conditio sine qua non del Greenpass per partecipare all'evento, l'obbligo di tenere sempre la mascherina e il divieto di consumare cibo e bevande all'interno della struttura del ModenaFiere, rovesciano la definitiva tanica di benzina: c'è gente che si prende una settimana di ferie da lavoro per poter scrivere manonerameglio chilometrici su Facebook.

mercoledì 1 settembre 2021

Cara amica, calamita e calamità

Qualche settimana fa ho litigato con un'amica. Non sto a spiegarvi i dettagli: semplicemente nella vita capita di litigare, a volte anche malamente, e di tirar fuori parole dure come cazzotti.
Ieri sera ci siamo rivisti. Abbiamo mangiato una pizza. Le ho portato un manga [Beastars] e dei peperoncini del mio balcone.
E poi mi sono scusato.
C'è voluto un po' di tempo. Certe volte hai bisogno di sbollire e io ho sempre bisogno di riflettere a lungo, di soppesare ogni singola parola, chi ha detto cosa.
Quando sono tornato a casa lei mi ha mandato un messaggio per dirmi che era contenta che ci eravamo chiariti.
"Per la verità c'era ben poco da chiarire" le ho risposto "tu non avevi detto niente che mi riguardasse direttamente, era giusto che mi scusassi".
E lei mi ha risposto: "Ti ringrazio di avermi chiesto scusa. Non è da tutti".

venerdì 27 agosto 2021

Chiacchierata al The Goblin Show fra giochi top e giochi flop

Ieri sera ho partecipato alla diretta YouTube del The Goblin Show.
Tema della puntata: giochi Top e giochi Flop.
Con Agzaroth e Sbem abbiamo parlato di luci ed ombre di alcuni titoli giocati negli ultimi mesi.
Per rivedere la puntata potete cliccate SU QUESTO LINK




Come sempre: trovate i giochi su MagicMerchant.it che sostiene questo canale.

domenica 22 agosto 2021

Tre giochi di carte buoni sulla sdraio al mare

Due settimane di ferie durano quanto la spiraletta verde dello zampirone. Il lavoro aspetta sulla porta della terza settimana di agosto, con i pugni piantati sui fianchi, come tua madre quando aveva detto Mezzanotte e invece tu rincasavi alle due [prima di salire strofinavi le mani sui pneumatici della macchina e ti ripassavi la scusa della foratura in autostrada: tu che smanettavi nella piazzola d'emergenza col crick sotto un lampione tempestato di falene, ma lei, tua madre, non se la beveva manco un sorso].
Ma se il tempo è esiguo, nella vampa d'agosto dell'estate più calda degli ultimi 55.000.000 di anni, nell'era geologica delle salamandre e degli scorpioni del deserto di Namib, lo è pure lo spazio: fra seconde case con la bacinella sul balcone per lavare i costumi, tende tattiche comprate su Amazon's Choice e bed&breakfast con la password del WiFi: "Nomedelb&b2020", spesso manca un tavolo di metratura adeguata.
I giochi devono rosicchiare centimetri quadrati al cocomero di Mantova, all'Autan Tropical e al cigno gonfiabile per lanciare il pupo nel mare al largo sperando raggiunga i cuginetti in Corsica.
E' allora imperativo e prioritario trovare spazi adeguati e testare l'effettiva giocabilità, senza mai perder di vista il portafogli, naturalmente, perchè per le vacanze abbiamo rotto il porcello e ci siamo spesi tutte le mollichette messe via gli altri 11 mesi, mica cicale e fichi.
Ecco quindi 3 giochi di carte provati col gluteo unto di crema protezione 20 su sdraio telata in plastica in spiaggia, e tutti 3 giochi rigorosamente sotto i 15 euro.

giovedì 19 agosto 2021

GiocAosta: non ci hai fatto niente

Il GiocAosta non abbassa la testa. E a un anno dal gran casino rimonta il suo famoso tendone giallo. Come a dire: "Embè? Guarda che non ci hai fatto niente".
Gli attori ci sono tutti. Scafandrati dietro le loro mascherine chirurgiche, muniti di green pass, con le mani così linde e sterili che si potrebbe organizzare un mega cous-cous con tutti i volontari e poi un torneo di tuca-tuca e pure una pantagruelica grolla dell'amicizia.
Ad ogni angolo totem di boccioni di disinfettante e squadroni di volontari che girano per i tavoli nuclearizzando ogni centimetro.
Pur nel cuore di agosto l'evento ha registrato numeri da record.
Oltre a nutrite file di giocatori navigati e occasionali, non sono mancati addetti ai lavori, editori, autori, blogger, vlogger, illustratori. C'è stata l'occasione per provare prototipi e anche nuove uscite.

Tutto perfetto o quasi [dico quasi perchè la ristorazione della città non è sembrata sempre così flessibile - ma qui sono gli esercenti che probabilmente non hanno ancora capito numeri e affluenza di questo giga-evento].
Un evento ludico che fa scuola in presenza e che, si spera, possa indicare la giusta rotta da seguire.
Complimenti.

lunedì 9 agosto 2021

Il mio posto in squadra

RedBairon stava fumando una Nazionale senza filtro appena oltre la porta di sicurezza con il cartello Porta allarmata! Usare solo in caso di emergenza! Il Vikingo aveva appena fatto saltare il tappo alle bottiglie di Icnusa sul nostro tavolo usando l'accendino [un trucchetto che gli aveva insegnato un condomino del suo stesso complesso, uno simpatico secondo Vik, ma sospettato di rubare la posta nelle buche lettere degli altri]. Io stavo attaccando bottone con una delle organizzatrici dell'evento ludico, che aveva il rossetto nero sulle labbra e un mangiamorte tatuato sull'avambraccio.
"Se passate il turno siete in finale" disse la ragazza consultando un tabellone A3 scritto a pennarello "Avete lo scontro diretto con i Leoni di Arcore. Sono forti"