lunedì 25 febbraio 2019

Play on Board e l'acqua al mio mulino

Non sono uno che dimentica, men che mai uno che lascia correre, e mi riferisco allo storico evento del GiocaTorino all' 8 Gallery del Lingotto, annullato fino a data da stabilirsi, e all'altrettanto importante IdeaG migrata a quanto pare in maniera definitiva da Torino a Parma nel 2018.
A dispetto di quelli rancorosi ma per finta, che alla fine perdonano e col tempo dimenticano, io ho un quadernetto nero sul quale segno tutti i torti, i delitti e i peccati mortali, e i due sopracitati sfregi ludici a Torino sono scritti in prima pagina su quel quaderno, e con pennabiro indelebile.
In attesa che i colpevoli facciano ammenda e riportino a casa quanto portato via con l'infamia, faccio quanto in mio potere: tiro l'acqua al mulino di Torino, e cerco di promuovere gli eventi ludici nei dintorni.

Perchè Torino è una città che di sberle ne prende tutti i santi giorni,  ma che sa incassare duro, e che qualche colpo riesce anche a restituirlo con gli interessi.
E mi riferisco a ToPLAY alla Tesoriera a settembre 2018, al Play on Board a Grugliasco del quale vi racconterò in queste righe, e ai Granda Games 2019 la prossima settimana a Bra.
Tre eventi ludici nuovi di pacca, centinaia di tavoli ai quali sedersi e giocare.
Per far carne di porco di tutti quelli che davano Torino per spacciata.
Da sinistra: il Giullare Barbuto, la Giullaressa Valentina, TeOoh, io e Chrys
Il referente dell'area incontri mi telefona una sera che sto prendendo a colpi di chiave inglese la caldaia.
"Siamo organizzando un nuovo evento ludico a Grugliasco" mi spiega "Ci chiedevamo se"
"Sì, ma devi richiamarmi fra 10 minuti" lo stoppo continuando a menare la valvola di sicurezza.
Mi richiama a cena e mi spiega in quattro e quattr'otto.
Accetto di partecipare ad un tavolo con TeOoh, i Giullari Alberto e Valentina, e Chrys [Christian Giove]. Il tema è la divulgazione.

L'evento PLAY ON BOARD si svolge al coperto, nella struttura La Nave del parco Le Serre di Grugliasco.
Parcheggio dietro il mercato, mi infilo nel parco, entro.

Foto di Lorenzo Mascherpa
L'evento in numeri [e nomi]
90 i tavoli a disposizione, 1400 i visitatori fra sabato e domenica, una ludoteca di giochi in prestito di +300 titoli, +100 volontari a dimostrare giochi, numerose le associazioni ludiche fra le quali Giocatorino, Gilda del Grifone, Fortunadado, Revelsh Blind Beholders, Aosta Iacta Est, Ludichieri, LudoLab, Ordine della Rocca, La Tavola Gioconda. Buona partecipazione anche degli editori: Asmodee Italia, Cranio Creations, Devir Italia, dV Giochi, Ghenos Games, Oliphante, Post Scriptum, Scribabs progetto Venkman.
C'èra un bar con prezzi onestissimi e il Jolly Joker con qualche gioco in offerta.

Se Alessandro Borghese avesse partecipato a PLAY ON BOARD di Grugliasco

Location:
ottima struttura, riparata che si stava bene in camicia e senza giacca, tanto spazio, tanti tavoli, tante sedie, parcheggio all'esterno abbastanza semplice, bar essenziale ma funzionale, servizi puliti.
Voto 9

Servizio: un buon numero di addetti ai lavori e dimostratori tutti abbastanza attenti. Forse qualcosa si può migliorare nell'organizzazione.
Voto 8

Menù: menù tradizionale, nessun azzardo ludico-culinario e niente di veramente nuovo, ma una cucina casalinga, genuina, sana, come mangiare a casa con la propria famiglia. 
Voto 8

Conto: un bilancio assolutamente positivo per questo primo evento, una location perfetta, uno staff nutrito che ha funzionato molto bene, una bella atmosfera rilassata, una macchina organizzativa che ha costruito un grande primo evento dal nulla.
Cosa è mancato. Un mercatino dell'usato che tira sempre, qualche anteprima in fatto di giochi che tira ancora di più, qualche autore di giochi in più.
Ma come detto: un ottimo esordio sotto i riflettori.
Voto 8 e 1/2


un ringraziamento a Magic Merchant 
che sostiene questo blog


GALLERY

























3 commenti:

  1. "Il Grande Libro Dei Rancori"... chi non ne possiede uno ben aperto in un angolo del cuore e del cervello (in duplice copia è meglio, non si sa mai)

    RispondiElimina
  2. Sono riuscito a stringere la mano al grande Dado, e non mi ha nemmeno morso! :-)
    Tullaris

    RispondiElimina
  3. Grazie Dado
    Nicola

    RispondiElimina